domingo, 19 de mayo de 2013

Le domeniche del boton: con influenza

Rieccoci con la seconda puntata de "Le domeniche del boton".
Questa settimana ho imparato che:

1. Se deve venirti l'influenza, un mal di gola di quelli che ti sembra di aver ingoiato una scatolina intera di spilli e di quelli che il-solo-pensiero-di-parlare ti fa venire da piangere, sarà sempre nel bel mezzo di un ponte, mandando a rotoli i tuoi progetti di "facciamo questo e quello"....E per 3 giorni che avevi per stare con la bimba...devi guardala da lontano, perché quello che ci manca è che si ammali anche LaDani! (Che poi mi sa che me l'ha attaccata lei a me, ma quella è un'altra storia)

2. Quando pensi che abbia finito di piovere, che essendo a metà maggio, che avendo sopportato quasi 8 mesi di acqua su acqua su acqua, adesso to meriti un pó di sole e qualche grado in piú (perchè fa un freddo orribile)...la simpatica Madre Natura ti fa capire che non è vero, mandandoti un'altra settimana intera di pioggia. Nemmeno la parola stagione (delle piogge si intende) si puó usare in questo caso: definisce un periodo di tempo con inizio e FINE!!!!! E qua non smetteeeeee!!!!!

3. Tuo figlio/a di due anni ha una capacità per identificare nel mezzo di un discorso tra due adulti lungo almeno, dieci minuti, le uniche due parolacce che si hanno pronunciato. E inizia a ripeterle all'infinito, gridando sempre di piú.  Visto che tu stai facendo "che non ho sentito/capito quello che hai detto, lei grida per farti capire quello che sta dicendo.
Non sa dire bene la R, ovviamente sbaglia ancora a coniugare qualche verbo, ti parla mezzo spagnolo e mezzo italiano, ma il radar-Parolacce funziona perfettamente!! Non se ne perde una. Ne in spagnolo ne in italiano.E le pronuncia per-fet-ta-men-te!!! Verranno giá predisposti geneticamente?

Vi lascio con la vostra domenica...io torno a letto a curarmi l'influenza!

No hay comentarios:

Publicar un comentario