jueves, 21 de noviembre de 2013

Il primo concerto

Incredibile esperienza per LaDani.
Il suo Primo Concerto: Los Cantajuegos.
In Italia non si conoscono, ma qui in Spagna é furore da qualche anno a questa parte. Sfornano dischi come se fossero pagnotte di pane, ci complicano la vita ai genitori che non riusciamo a stargli dietro con tanti cd nuovi e tante canzoni da imparare, sbagliamo le parole, mischiamo le melodie...e il bambino si incazza e ti tratta con aria di superioritá e ti fa sentire vecchio, perdendo capacitá cognitive.
E intanto i bambini diventano pazzi con sti Cantajuegos. E' come una droga!! 
Che vuoi darti un kit-kat? Che la giornata si sta facendo pesante e lunga? Che non lo puoi dire a voce alta perché fa brutto, ma ne hai le palle piene di sopportare il mostriciattolo? Allora accendi il dvd o youtube e dai sfogo libero ai Cantajuegos. (quí ho messo una delle canzoni preferite de LaDani, ma il repertorio é immenso!)
Tuo figlio si bloccherá improvvisamente davanti allo schermo, ipnotizzato da musica e colori e si scorderá di te! Davvero!! Funziona!! Non esagero!!
E' come un bottone di ON-OFF! E funziona davvero con tutti i bambini. Fa niente il carattere che abbia, piú calmo, piú agitato...se é piú mammone, o solo si diverte a farti girare...diciamo..i nervi...
E' ascoltare le prime 3 note musicali e il mondo di ferma!
Io ormai mi sono convinta che i bambini de La Generazione Cantajuegos nascono giá predisposti geneticamente per reagire a queste canzoni.
Comunque, le cose come sono: é vero che fare un viaggio in macchina di 5 ore con le canzoni Cantajuegos, che ti si mettono in testa e non te le togli piú per i 3 giorni consecutivi non é proprio un "il viaggio della tua vita", ma l'effeto neutralizzante che ha su tuo figlio, si merita tutta la nostra ammirazione!

Comunque, da quando é nata LaDani e il famoso gruppo musicale é entrato in casa nostra, sapevo che sarebbe arrivato il giorno in cui saremmo andati a vederli in diretto.
Consigli di parenti e amici che avevano giá vissuto l'esperienza concordano sul fatto che non vale la pena portarli troppo piccoli: troppo caos, e alla fine non si diverte. Il bimbetto si perde tra tanta musica, balli e colori alla fine esce rimbambito.
A partire dai 2 anni- 2 anni e mezzo in su, perfetto.
Se poi il pargolo in questione ha la vena ballerina como LaDani, allora fantastico: si piazza in prima fila, attaccata al palco e inizia a farti una coreografia che sembra la Cuccarini degli anni ´80!!

Il nervosismo in casa giorni prima del concerto era palese: LaDani si svegliava tutti i giorni chiedendo "Mamma, oggi andiamo al concerto?". No tesoro, fino a domenica non andiamo. "E quando arriva domenica?"..e cosí via, facendo croci rosse sul calendario della cucina.
Lei, povera, sará perché ha ereditato da suo padre la vena rock e lo vive davvero, non stava piú nella pelle. Domenica mattina avremmo potuto chiederle qualunque cosa che pur di compiacerci e di non rischiare "castighi perfidi" e rimanere senza concerto, si muoveva in punta di piedi per casa e con il suo miglior sorriso. Si vedeva che stava recitando!!

Arriva il momento di uscire di casa, ora e mezzo prima dell'inizio del concerto, (fa niente se i posti sono numerati, noi tipo le adolescenti che fanno la fila per 2 giorni per stare in prima fila per i One Direction) e LaDani ha un attacco di "papite" e cerca di convincere suo padre per lasciarmi a casa e andare con lui. E' tutto amore-di-mamma, mia figlia!! Che tesoro!!
Entriamo. Non dico che siamo state le prime ma quasi. Se c'erano 10 persone sedute, erano giá tante. Aspettiamo impiazienti che si riempa (ovviamente c'era il tutto - esaurito, tipo Vasco! e facendo doppio spettacolo, mattina e pomeriggio!!) e finalmente arriva l'ora X.
Si spengono le luci e che lo spettacolo abbia inizio!
Vi riassumo le due ore di spettacolo con una sola foto. I-N-C-R-E-D-I-B-I-L-E!


Le due ore sono passate velocissime, senza intervallo!
Per esperienza posso dire che un adulto per accompagnare un bambino é piú che sufficiente, e se si tratta di bambini di 3-4 anni, anche piú di uno, senza probema. Tanto, appena inizia la musica, si scordano di te.
Bisogna riconoscere che sono un pó cari, 25 euro a testa. E no: i bambini non hanno sconti, pagano intero, abbiano l'etá che abbiano. Se ci pensi bene é ovvio, loro sono il nocciolo della questione, se no dove ce lo metti il bussiness?
Nelle prime file sono un pó piú cari, se vai verso il fondo il prezzo scende fino a 16 euro, ma se tua filgia é una possibile candidata alla prossima edizione di "Amici", allora vale la pena spendere un pó di piú e vederla ballare e ballare e ballare attaccata al palco, mentre tu ti sbavi, ti sbavi e ti sbavi, e intanto la riprendi con la telecamera del telefono!
Tuo figlio sognerá con i Cantajuegos tutta la settimana sucessiva e ogni mattina ti chiederá "Oggi torniamo al concerto?"

E tu le risponderai "torneremo, amore mio, torneremo, la prossima volta che vengono a Vigo, torniamo, ok?".
Ma lo devi dire mentre balli con lei il ballo del qua qua, se no, non vale!




No hay comentarios:

Publicar un comentario